Facebook, al via le videoconferenze: benvenuti nelle Messenger Rooms

Condividi questa notizia con...
Share on Facebook
Facebook
0Pin on Pinterest
Pinterest
0Tweet about this on Twitter
Twitter

Facebook ha annunciato Messenger Rooms, un servizio di videochiamate di gruppo che consente di creare una Stanza virtuale direttamente da Messenger o Facebook e invitare chiunque a unirsi, anche chi non ha un account Facebook. Le Stanze non hanno limiti di tempo e presto potranno ospitare fino a 50 persone.

Per celebrare un evento, organizzare un gruppo di lettura o semplicemente per chiacchierare con degli amici, non occorrerà più chiamare prima o fissare un appuntamento in calendario, sarà sufficiente aprire una Stanza su Facebook e condividerla attraverso la propria bacheca, i Gruppi o gli Eventi, per permettere alle persone di farci un salto. Presto sarà possibile aprire una Stanza anche da Instagram Direct, WhatsApp e Portal.

Quando si è invitati in una Stanza, è possibile accedere sia dal proprio smartphone sia dal computer, senza dover scaricare nulla. Oltre agli effetti di realtà aumentata disponibili dall’app di Messenger, arriveranno anche nuovi effetti AI per aggiornare le chat video di Messenger da cellulare, come sfondi a 360 gradi e immersivi. Ci sono, inoltre, 14 nuovi filtri che offrono un’illuminazione ambientale o per il viso. In arrivo anche nuovi effetti di Realtà Aumentata.

Messenger Rooms, si legge in ua nota, è progettato tenendo privacy e sicurezza in cima alle priorità:

Facebook non vede o ascolta le vostre chiamate. La persona che crea la Stanza può scegliere chi può vederla e chi può partecipare, deve essere presente per avviare la conversazione e può rimuovere gli ospiti in qualsiasi momento. È possibile segnalare una Stanza o inviare un feedback se si ritiene che abbia violato gli standard della comunità di Facebook. Dato che Facebook non visualizza o ascolta le chiamate, le segnalazioni non includeranno l’audio o il video della Stanza. Maggiori informazioni nell’allegato privacy.

Commenti Facebook
Condividi questa notizia con...
Share on Facebook
Facebook
0Pin on Pinterest
Pinterest
0Tweet about this on Twitter
Twitter